Kiara: quando lavoro mi sento felice e motivata.

Kiara: quando lavoro mi sento felice e motivata.

Kiara è una studentessa universitaria. Lavora in Okay Animazione da 4 anni.

“Ero al liceo quando ho iniziato a lavorare in Okay Animazione e sin da subito mi è sembrata la combinazione perfetta tra lavoro e divertimento, in un ambiente piacevole e con un'ottima organizzazione e precisione”.

Il ruolo di Kiara in stagione è di Mini Club. “Questo lavoro mi dà grandi soddisfazioni e anche la voglia di trasmettere allegria alle persone. Vedere i bambini sorridere è una delle ricompense più belle.

In questi anni è cresciuta in azienda, ha imparato a ricoprire molti ruoli, è brava a ballare, animare, coinvolgere. Partecipa alle animazioni di Piazza, dei Centri Commerciali, delle feste private. Quello di animatrice è un lavoro che può continuare a svolgere frequentando l’Università: l’animazione la impegna nel weekend, nei giorni di festa e in estate e le permette di guadagnare mentre studia.

La genuinità di Kiara, il suo sorriso sincero e la dolcezza che ha con i bambini le permette di entrare nel cuore dei piccoli e dei grandi.

Arianna: Giovane Istruttrice di Zumba carica di energia

Arianna: Giovane Istruttrice di Zumba carica di energia

Il sorriso di Arianna ci ha conquistati, l’energia che trasmette mentre insegna Zumba ci ha fatto innamorare!

Arianna ci dice che fare animazione è stato un caso, è un’occasione che le è capitata, ma ora resta in “Okay perché si lavora sempre per nuovi progetti e con loro ho vissuto bellissime, nuove e sempre divertenti esperienze”.

Le sue parole descrivono a pieno il lavoro: “L’animatore è una figura che la gente apprezza e rispetta, come animatrice sei costantemente al centro dell’attenzione. Questo lavoro mi fà vivere con il sorriso, questo lavoro ti dà tanto, ti dà i sorrisi di gente sconosciuta, i grazie detti in lacrime di chi sta per andare via. A fine giornata ti senti una persona Migliore, colei che ha strappato una risata a centinaia di persone”.

Arianna è felice per tutte le nuove emozioni provate lavorando, per la carica che le trasmettono le persone e che lei sa restituire con le sue lezioni di Zumba, per gli spettacoli ai quali ha preso parte che le hanno regalato una magia sconosciuta.

Arianna mentre lavora si sente “imbattibile” e lo è, perché non c’è nulla di più forte di una persona che ama il suo lavoro e lo fa con passione.

 

 

Mirko: “dopo 27 anni l’animazione mi fa ancora vivere nell’Isola che non c’è”

Mirko: “dopo 27 anni l’animazione mi fa ancora vivere nell’Isola che non c’è”

Mirko è un professionista dell’animazione che dopo la prima stagione in Okay Academy ha deciso di restarci per la serietà, la formazione, la presenza costante dell’agenzia e i tanti materiali e costumi forniti. Questo lavoro lo ha portato all’estero in Grecia, Egitto, Capoverde ed ora lavora in Italia con la Okay Academy, con la quale può scegliere di lavorare in strutture 100% italiane... animazione, clientela, cibo, territorio, oppure villaggi con clientela e animazione internazionale.

Dopo 27 anni di questo lavoro, racconta che appena termina una stagione “ti manca sempre, perché fare animazione vuol dire vivere per mesi nell’ Isola che non c'è e una volta che ci entri ti innamori di questo lavoro”. Essere animatore vuole dire sentirsi libero, felice, sorridente e in mezzo a tanta gente.

Avere Capi Animazione seri e professionali come Mirko vuol dire per la Okay Academy garanzia di ottimi risultati lavorativi e dare ai ragazzi che lavoreranno con lui la possibilità di imparare e crescere.

Alessio:un ragazzo promettente nella danze e nell’animazione

Alessio:un ragazzo promettente nella danze e nell’animazione

Alessio è un ballerino agonistico che ha conosciuto la Okay Animazione e ha deciso di lavorare con loro per la professionalità dell’agenzia.

“Il lavoro di animatore mi fa star bene e mi permette di rendere felice la gente, facendo ciò che mi piace!”. Alessio nell’animazione ha trovato un lavoro e una passione, ha scoperto il piacere di far sorridere, di coinvolgere e di mettere in pratica le sue capacità di ballerino.

Durante la stagione a Cesenatico ha recitato e ballato nel musical Peter Pan e nel Musical di ferragosto sulle Musiche del Fantasma dell’Opera e le racconta come serate straordinarie.

Si è spesso esibito anche nelle danze caraibiche e danze standard tra gli applausi dei clienti per la sua bravura.

Per la Okay è un grande piacere avere un ragazzo appena diciottenne che ha già portato a casa parecchi titoli in diverse discipline e che con costanza e determinazione persegue in suoi obiettivi nella danza e nell’animazione coinvolgendo sempre grandi e bambini con il sorriso, la simpatia e l’entusiasmo.

Siamo certi che Alessio continuerà a crescere nella nostra grande famiglia e che raggiungerà grandi traguardi.

Marta:Una miniclub eccezionale

Marta:Una miniclub eccezionale

Ha partecipato allo stage ed è stata subito contattualizzata.

Marta ha fatto la sua prima stagione nell’estate 2017 come animatrice mini club con grande soddisfazione dell’agenzia si è rivelata perfetta nel suo ruolo con grandi potenzialità di crescita.

Marta ha visto gli annunci di ricerca di personale messi da Okay Academy e ha deciso di partecipare allo stage di formazione al termine del quale è stata contrattualizzata.

Racconta “Questo lavoro mi fa stare bene perché mi permette di fare ciò che amo: far divertire i bambini e ciò mi permette di tornare a casa felice”. Quello che ha scoperto è “la soddisfazione di far divertire altre persone e farle stare bene nelle loro vacanze” e che questo lavoro dona “emozioni e felicità che difficilmente altri lavori possono dare”.

marta.jpeg

Essere animatore vuol dire vivere “un divertimento continuo con le persone con cui entri in contatto e con quelle con cui lavori, che come te condividono una passione”.

Marta ti auguriamo di mantenere sempre la tua energia, solarità, dolcezza e precisione che ti hanno permesso di fare una straordinaria stagione.

ADRI: Cantautore e Capoanimatore per amore

ADRI: Cantautore e Capoanimatore per amore

Adri è un veterano dell’animazione ed è un vanto per l’Okay Academy averlo nel suo Staff.

Questa estate farà la sua 25esima stagione (di cui 15 in Okay) come animatore, ma lui è anche un cantautore e non si separa mai dalla sua fedele chitarra.

Con la sua esperienza vuole insegnare ai ragazzi che “l'animazione non è solo far ridere e scherzare con gli altri” come molti credono, ma che “l'animazione unisce psicologia, allegria, serietà: fa crescere come persona, ti permette di conoscere gente dai mille volti da cui imparare”.

Ci racconta che quando lavora realizza il suo sogno e che è innamorato del suo lavoro.

Tra gli spettacoli messi in scena ricorda con più piacere Pinocchio il Musical, Rugantino, Hercules e Moulin Rouge. Ogni stagione per lui è una nuova sfida, ogni estate crea un bellissimo clima nella sua equipe e ad ogni fine stagione inizia a pensare alle nuove idee per l’anno successivo.

Grazie Adri per averci rilasciato la tua intervista, speriamo che i giovani animatori facciano tesoro delle tue parole ed esperienze.

Sara: passione e professionalità

Sara: passione e professionalità

Sara è una ragazza solare, spigliata e creativa che lavora nell’Okay Group da 7 anni.

E’ una studentessa di Psicologia, ha anni di danza alle spalle e una passione per l’arte.

Ci ha raccontato che il suo approdo in Okay è stato casuale ma la scelta di rimanere è stata dettata dalla ragione e dal cuore. “Ho trovato in loro la precisione, puntualità, organizzazione necessari in un’azienda ma anche il divertimento lavorativo e la complicità dello Staff”.

Sara è cresciuta professionalmente nel mondo dell’animazione, coltivando e ampliando le sue passioni e doti artistiche, teatrali e di ballo. E’ una animatrice poliedrica con una speciale passione per gli spettacoli serali, e con il suo carisma riesce ogni anno a guidare con ottimi risultati il suo staff di animazione.

Di questo mestiere dice “Quando lavoro mi sento libera dalle convenzioni, soddisfatta di lavorare per far divertire gli ospiti” e aggiunge che essere animatrice l’ha portata a rompere i limiti che ognuno di noi si impone “per essere normale” donandole una sconosciuta apertura mentale.

Auguriamo a Sara di mantenere sempre il suo entusiasmo per questo lavoro e di continuare a trasmetterlo ai ragazzi che lavoreranno con lei.